GELATERIA GIANNI il gelato

Il gelato è un tutto che va ben al di là della somma degli ingredienti che lo compongono. È molto di più. É un tutto funzionale. É una totalità armonica, al pari di una melodia, che va ben oltre note che la compongono, di una parola, che si eleva al di sopra di tutte le lettere che ne fanno parte, di un organismo vivente rispetto alle sue cellule.

Un semplice cono di gelato è al tempo stesso espressione dell’inventiva umana nel trasformare i cibi, della tradizione, della genialità dell’artigiano, nella scelta delle materie prime, nel combinare gli elementi fra loro. E pure è anche carico di significati psicologici, dal gesto di amore che uno offre a se stesso o ad altri, dalla soddisfazione di un piccolo desiderio fra tante frustrazioni, insidie e rinunce, all’abbandono a una realtà di sogno, nel silenzio della propria intimità.

Il gelato unisce adulti, bambini e anziani in un comune senso di desiderio e di meraviglia di fronte alla sua magia, una sorta di operazione alchemica, che trasforma un succo liquido in qualcosa di consistente e morbido, gustoso e fresco. La solubilità del gelato fa sì che esso sia qualcosa che va assaporato all’istante, qui e ora; altrimenti la magia finisce.

Scegliere un gelato significa poterlo anche vedere nelle vaschette esposte. Il gelato nascosto nei pozzetti si affida a un nome e a un elenco di ingredienti, al massimo a una fotografia; che magnificenza invece la tavolozza di colori di una esposizione di vaschette con gelato!

E fra i gelati di Gianni si scopre un’altra meraviglia: accanto ai raffinati numerosi singoli gusti, come crema, cioccolato, pistacchio, fragola, limone, ecc, numerose originali elaborazioni che accostano gusti fra loro, come una sorta di pasticceria al gelato dai fantasiosi nomi, come “Che fatica farlo”, “Bacio”, “Sole”, “Avvocato” e così via.

Questa vasta e completa gamma di gelati modifica le nostre abitudini rispetto al gelato: non più prodotti di gelateria artigianale disponibili da inizio primavera a metà autunno, ma per tutto l’anno, perché l’armonia del gusto non ha una stagione e l’impasto freddo del gelato di classe si gusta sempre. Così pure, il gelato può essere gustato in qualsiasi ora del giorno o della notte, a stomaco vuoto o dopo un pranzo, senza rendere difficoltosa la digestione e senza essere una “bomba calorica”.

Non con i denti:
Non è per fame!
Il bacio delle labbra;
poi lingua e palato.
Il sogno è materia,
in forma, colore, gusto e tatto.
M’abbandono al presente,
come un frammento d’eterno,
prima che la magia si dissolva.

 

 

 

 

GELATERIA GIANNI gusti
Vai ai gusti »

 

 

 

 

Contattaci Ti risponderemo appena possibile!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio